CaLCiO MoDeRnO

Il Blog del Calcio

Email Button

domenica, agosto 21, 2005

Supercoppa nerazzurra


La gioia di Veron e la rabbia di Capello

Massimo risultato con il minimo sforzo.
Questo potrebbe essere il sottotitolo della Supercoppa di ieri sera giocatasi a Torino sotto il diluvio.

L'Inter, con l'unico tiro veramente pericoloso verso la porta di Chimenti, si aggiudica il trofeo, dopo aver subito il (bel) gioco della Juventus per più di 90 minuti.
La Juventus ha dimostrato, se ancora ce ne fosse stato bisogno, di essere più rodata e squadra di un Inter ancora un po' macchinosa e sempre troppo legata alle giocate individuali.
Il goal infatti arriva su un'invenzione di Adriano per Veron. Anche i singoli però non sono stati particolarmente brillanti: lo stesso Adriano, insieme a Martins faticano e non poco là davanti, sbattendo ripetutamente contro il muro difensivo bianconero.

Chi brilla è parte del centrocampo, Veron e Cambiasso su tutti. Mancini si goda la vittoria, come è giusto che sia, ma con il campionato alle porte c'è ancora molto da lavorare se vorrà puntare a lottare fino a maggio per qualcosa di importante. I campioni da soli non bastano, serve un gruppo affiatato e l'Inter, a differenza di altre squadre, lo sta trovando solo adesso.