CaLCiO MoDeRnO

Il Blog del Calcio

Email Button

sabato, luglio 30, 2005

90° Minuto, addio!



Paolo Valenti, l'inventore di 90° Minuto negli anni '70

Aperte oggi alle ore 12, in Lega Calcio a Milano, le buste per l'asta dei diritti tv del prossimo campionato per gli highlights e la Coppa Italia.
A Mediaset il campionato, alla Rai la Coppa Italia.

L'asta ha avuto un parto u po' discusso, con la Rai che era già sicura della vittoria, mentre la Lega ha voluto valutare anche le offerte di altre tv (Mediaset). Si è arrivati, grazie a un ricorso vinto dalla Rai, ad aprire oggi le buste. La Rai non ha praticamente partecipato, offrendo 100€ per il campionato, stizzita verso Galliani per il suo "presunto" favoritismo nei confronti della tv del Lago dei Cigni.
Probabile un altro ricorso della Rai nei prossimi giorni.



La sostanza di tutto è questa però: addio a 90° Minuto, da sempre trasmissione storica della Rai e una delle più seguite in assoluto d'Italia dai tempi della sua creazione nei primi anni '70.

L'asta, come detto, ha avuto dei risvolti poco chiari, producendo accuse da parte di Via Mazzini nei confronti di Galliani, per i suoi "conflitti di interesse" o presunti tali.

Si sa che la verità sta sempre nel mezzo, quindi dare ragione a uno piuttosto che a un altro, ci sembra un po' riduttivo.
Mi limito a considerare solo due cose: la Rai, di fatto, perde molto di più dei semplici highlights, che nell'era della pay-tv/digitale terrestre, perdono un po' del loro interesse, ma si tratta di un cambiamento epocale per la tv del pallone italiano. Ciò che era un abitudine quasi scontata (90° Minuto) scompare (per sempre?) in un mezzogiorno infuocato di metà luglio a Milano, quasi in maniera inosservata. Inutile ritornare a questo punto sul discorso canone già afrontato fin troppe volte.

Altro discorso è il comportamento della Lega Calcio: ha fatto il proprio interesse, cioè cercare di prendere più soldi per la Serie A, o l'interesse di Mediaset?
Risposta: non lo sapremo mai. Però una considerazione va fatta: in un periodo dove, il calciomercato insegna, soldi non ce ne sono, per nessuno, forse un'asta al rialzo per poter avere maggiori garanzi economiche a tutta la massima divisione tanto male non fa.
Certo il fatto che ci sia di mezzo proprio Mediaset lascia parecchi dubbi ed interrogativi, però se Galliani, nonostante le polemiche, è stato rieletto spontaneamente a presidente di Lega, evidentemente saprà far bene il lavoro di manager e gestire bene tutti questi interessi.

Nei prossimi giorni vedremo se la situazione avrà, ancora, dei colpi di scena...per ora...ADDIO 90° MINUTO.