CaLCiO MoDeRnO

Il Blog del Calcio

Email Button

mercoledì, giugno 22, 2005

Serie A solo a parole!


Il presidente del Bologna Giuseppe Gazzoni Frascara

Le uscite del presidente del Bologna di questi giorni, all'indomani della retrocessione in serie B della sua squadra dopo il doppio spareggio contro il Parma, suonano quantomeno stonate!

Andiamo con ordine.
Già a inizio campionato, bisogna ricordarlo, il presidente Gazzoni era stato l'unico a promuovere e chiedere una maggiore chiarezza nei bilanci delle squadre di serie A, forte del fatto che la sua società è una delle poche in regola economicamente, sotto tutti i punti di vista.

Adesso però ci sembra un tantino fuori luogo ripescare dal cesto argomentazioni di mesi fa, solo perchè la retrocessione in B non la si riesce a digerire.

E' vero che il Parma, così come molte altre squadre, Roma e Lazio su tutte, hanno goduto di privilegi e leggi dello Stato adattate al mondo del calcio affinchè potessero iscriversi al campionato; è anche vero però che nel periodo pasquale il Bologna era in zona Uefa, faceva un bel calcio, faceva risultato anche contro le grandi, se poi c'è stato un crollo non sarà mica colpa delle leggi, o no?

Mazzone non è riuscito a stimolare i suoi fino a fine stagione, quando sarebbero bastati pochi punticini per una salvezza tranquilla.
Arrampicarsi sugli specchi adesso non serve a nulla, forse solo a fare una brutta figura.

Se tutte le energie che sta usando adesso, Gazzoni le avesse usate prima per strigliare un po' un ambiente intorpidito, non si troverebbe adesso a ripartire dalla B e con circa 20 milioni di euro di introiti in meno tra diritti tv e sponsor vari.

Il campo ha parlato chiaro e l'ha ammesso anche Marocchi: il Parma ha meritato la serie A, molto di più del Bologna.
Non ci sono appelli!