CaLCiO MoDeRnO

Il Blog del Calcio

Email Button

mercoledì, aprile 13, 2005

Euro-Derby: il ritorno (amaro)


Il tiro di Shevchenko che segnerà l'1-0
Materazzi e Rui Costa di fronte ai fumogeni




Dopo 6 giorni ancora di fronte per l'esito finale di questa sfida che ha fatto chiaccherare tutti, a Milano e non.
Torna Adriano grazie a un super recupero dopo l'infortunio e non gioca Gattuso squalificato.

La gara assume subito le tinte di quella precedente: Inter a testa bassa, ma con confusione, all'attacco della difesa impenetrabile e di Dida, Milan attento ma sempre conscio della propria forza e mai veramente pericoloso.

Il goal di Shevchenko, un capolavoro per tecnica di esecuzione, preparazione e lucidità, chiude ogni discorso sulla qualificazione alle semifinali. L'Inter con grande onore continuerà a battersi, perchè dopotutto è pur sempre un derby e perchè lameno un goal al Milan in questa stagione gielo vorrebbe fare, dato che per il gioco creato lo meriterebbe anche.
Il goal arriva, ma viene annullato per una presunta, e ininfluente, spinta di Cruz su Dida. Qui finisce il derby sul campo verde.

Inizia quello della curva nord nerazzurra.
Il lancio di fumogeni invade l'area sottostante, portando alla decisione di sospendere la partita.

L'azione premeditata della curva serve a colpire solo ed esclusivamente la società Inter: non è stato il goal a scatenare il lancio di oggetti ma un'organizzazione ben precisa. L'inter anche con quel goal ne avrebbe dovuti segnare altri 3 in 15 minuti per potersi qualificare. L'organizzazione in curva era ben chiara: "se si mette male a 20 minuti dalla fine interveniamo noi!"
E così è stato.

Non si dica che la colpa in questi casi sia di pochi, non scherziamo. Chi va allo stadio, qualunque esso sia, e magari in curva, sa benissimo come funziona. Il tifo è organizzato in diversi gruppi che fanno comunque capo a poche persone, le quali si occupano delle trasferte, degli striscioni, delle coreografie, ecc. Spesso sono "aiutati" economicamente dalle stesse società proprio per avere sempre i tifosi al seguito della squadra. Il comportamento in curva è dettato da delle linee guida molto semplici. Se qualcuno agisce "contro" la curva viene sicuramente individuato e bloccato. Il fatto che i fumogeni ieri provenissero da tutta la curva è indice del fatto che tutto era premeditato.
Ricordiamo inoltre che per le competizioni UEFA l'utilizzo di fumogeni è vietato. Non è quindi casuale quello che è successo.

L'unica cosa che spiace di tutto ciò è che la città di Milano, da sempre un bell'esempio per i derby, ne esca quantomeno un po' acciaccata, facendo una figura pessima.

Venerdì la UEFA si riunisce per decidere il destino dell'Inter. Se la condanna, come pare, sarà dura (squalifica per un anno dalle coppe europee) la curva nord avrà raggiunto l'obiettivo: contestare la società e recarle un bel danno economico. Complimenti!

1 Comments:

At 13/4/06 06:38, Anonymous Gustavo ha scritto:

Ciao a tutti! Ho trovato um sito divertente su la Nike. In questo sito, possiamo vedere alcuni film della promozione “Giocca Bello”. Grazie ragazzi! Ciao!

www.nk6.com.br/jogabonito

 

Posta un commento

<< Home