CaLCiO MoDeRnO

Il Blog del Calcio

Email Button

lunedì, febbraio 28, 2005

"Gelide" emozioni


Derby 260. Tutto esaurito, come sempre. Tifoserie nelle rispettive curve pronte per cori e coreografie già 2 ore prima del match, incuranti del freddo che morde S.Siro da ogni angolo.
Scendono le squadre in campo per il riscaldamento pre-partita. Fischi, urla, sfottò.
I giocatori ringraziano le rispettive curve, anche per il supporto dato nel mercoledì di coppa. Tutto pronto quindi.
Via alle coreografie. Quella rossonera più ironica e "matematica", quella nerazzurra più da conquista e quanto meno "dubbia" nella simbologia. Tutti in campo, fischio e via...partiti.

Le premesse per un bel match c'erano tutte viste la grande impresa del Milan a Manchester e una maggiore organizzazione del gioco dell'Inter negli ultimi tempi. Nulla di tutto ciò, purtroppo. La tattica e la paura di prendere goal la fa da padrona e così come in altri derby il gioco è spezzettato, falloso da entrambi le parti, poche occasioni, una per Rui Costa, una per Veron. Finisce il primo tempo, tutti a bere un thè caldo...ci vorrebbe anche sugli spalti, ma i tifosi sperano di scaldarsi nel secondo tempo con i goal.

Ripresa. Tutto come prima. Solo l'episodio può mutare il corso della partita. Il pubblico si fa sempre più nervoso, vuoi anche per il gelo che corre veloce tra i seggiolini e non aiuta di certo, ad ogni fallo c'è contestazione come è giusto che sia. Poi il goal di Kakà. Fortuna si, ma bisognava essere lì...e lui c'era. Il popolo rossonero si scalda...per 3/4 dello stadio scende ancora di più la temperatura.

Quelli che da sempre escono prima dallo stadio per non "trovare-coda-in-macchina",hanno un buon motivo per andarsene subito, gli altri resistono e ci credono all'ennesimo pareggio della squadra di Mancini. Purtroppo per loro non succede veramente niente fino alla fine.

Successo pesante per il Milan: 3 punti, testa della classifica e grande serata. Pesantissima la sconfitta per l'Inter: persa l'imbattibilità e per di più nel derby giocato in casa, il distacco ora è di 14 punti dalle due capoliste e addio sogni scudetto. Anche Mancini ora pare non crederci più. Forse Veron però ha ancora qualche speranza...ma solo lui ormai. Pare più che improbabile, non solo che l'Inter possa risalire la classifica, non vincendo uno degli scontri diretti, tra le altre cose, ma che sia Juve che Milan possano entrambe avere un crollo improvviso da qui a Maggio. Nel calcio tutto può succedere è vero, però qui saremmo proprio ai confini della realtà...quella nerazzurra!

2 Comments:

At 28/2/05 20:31, Blogger Laviola G. ha scritto:

Vorrei sottolineare un paio di cose insopportabili del derby di ieri sera:

1) Lo striscione della tifoseria interista; le croci celtiche se le potevano risparmiare.

2) Le dichiarazioni pseudo-elettorali di Berlusconi dopo la partita; il suo buonismo compassionevole ce lo poteva proprio risparmiare!!!

 
At 28/2/05 23:03, Blogger Matteo F. ha scritto:

concordo in pieno, anche se sulla seconda, essendo allo stadio, non ho avuto modo di vederla.

per lo striscione...no comment. forse la mancanza di argomenti della tifoseria nerazzura porta a questo. da circo il fatto che la coreografia sia caduta per metà all'inizio!

 

Posta un commento

<< Home